Una inaccettabile tragedia

Siamo sconvolti! La tragedia del disastro ferroviario ha colpito tutti noi. Percorriamo da anni questa tratta, sopportiamo ritardi, freddo e soppressioni, ma mai abbiamo pensato che qualche nostro compagno potesse concludere il proprio viaggio tra le lamiere del treno. Il nostro cordoglio è profondo e sentito, siamo vicini alle famiglie di queste tre donne.

È indegno che in Italia si muoia ancora andando al posto di lavoro o a scuola. Non esistono scuse. I disagi della nostra tratta sono ben noti alle autorità, ad RFI e a Trenord. Ora chiediamo un impegno da parte di tutti perché venga fatta chiarezza sulle cause dell’incidente e sulle relative responsabilità.

Chiediamo inoltre che venga posta come immediata priorità la messa in sicurezza del servizio ferroviario. Tutti i pendolari hanno bisogno di questa certezza. Le nostre linee ed i nostri treni hanno bisogno di manutenzione e sicurezza, è in gioco il destino del trasporto ferroviario lombardo.

Annunci

SINDACI E PENDOLARI UNITI PER MIGLIORARE LA LINEA FERROVIARIA TREVIGLIO-CREMA-CREMONA

sindaco crema

Da oggi parte la mobilitazione dei territori interessati insieme a Treviglio e Area Vasta Provincia di Cremona.

Dopo innumerevoli proteste, disagi, ritardi e dopo il gravissimo episodio verificatosi venerdì 30 ottobre 2015, quando un convoglio bloccato a pochi metri dalla Stazione di Crema ha visto i passeggeri costretti ad uscire anche dai finestrini del treno, i Sindaci del territorio cremasco e di tutti i Comuni siti lungo la linea ferroviaria chiedono a RFI, Trenord e Regione Lombardia entro dicembre 2015 di visionare il Piano di manutenzione e il Piano di emergenza della linea ferroviaria; di introdurre almeno due nuovi convogli tipo “Coradia” come da ripetuti impegni dell’Assessore regionale ai trasporti Alessandro Sorte e di eliminare  i treni Diesel.

Se non ci saranno risposte e interventi adeguati, indosseranno la fascia e organizzeranno presidi alle Stazioni e presso la Regione Lombardia perchè non intendono consentire il perdurare dello stato di abbandono in cui oggi versa la linea ferroviaria Treviglio-Crema-Cremona.

Qua il documento condiviso: TAVOLO SINDACI 7 NOVEMBRE 2015

 

Comunicato Stampa: Il CPC incontra l’assessore Sorte

Il CPC ha avuto l’occasione di poter parlare ieri sera con l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Alessandro Sorte che desideriamo ringraziare per la disponibilità e l’ascolto dimostrati ieri. I temi emersi sono stati tanti: del resto le problematiche legate al pendolarismo sono diverse e ormai annose. La direttrice che il CPC intende difendere e migliorare è la tratta 16 Cremona – Treviglio – Milano. I rappresentanti del CPC chiedono con forza che la tratta in questione venga  riconosciuta come una delle tratte problematiche presentate dalla dottoressa Farisè a inizio anno: sulla nostra tratta ritardi, soppressioni, mancate gestioni delle emergenze non mancano e vanno a discapito di altre forme di pendolarismo che fanno le spese delle mancanze di Trenord.

Sulla tratta in questione viaggiano solo treni diesel vecchi, sui quali evidentemente non viene svolta opera di manutenzione alcuna. I problemi causati da passaggi a livello che si guastano spesso sono la causa di incredibili ritardi o mancate corse. Treni nuovi sarebbero di enorme aiuto per migliorare la qualità degli spostamenti sulla tratta di nostro interesse.

Sulla scia dei miglioramenti già visibili su altre tratte, come ad esempio la tratta di Bergamo, chiediamo con forza quindi che si possa continuare ad operare sulla strada già intrapresa: l’esempio di Bergamo è indice che si possa migliorare la condizione del pendolare in tempi rapidi e ottenendo risultati visibili agli occhi di tutti.

Siamo fiduciosi che le parole dell’assessore Sorte possano dar seguito a soluzioni concrete e rapide ai problemi esposti e purtroppo ben noti a tutti.

Crema, monocarrozza alimentata a diesel e corse soppresse. Trasporto ferroviario, prosegue con sempre maggior successo il servizio offerto ai pendolari

http://www.cremaonline.it/cronaca/27-02-2015_Trasporto+ferroviario.+Prosegue+con+crescente+successo+il+servizio+offerto+ai+pendolari/