SINDACI E PENDOLARI UNITI PER MIGLIORARE LA LINEA FERROVIARIA TREVIGLIO-CREMA-CREMONA

sindaco crema

Da oggi parte la mobilitazione dei territori interessati insieme a Treviglio e Area Vasta Provincia di Cremona.

Dopo innumerevoli proteste, disagi, ritardi e dopo il gravissimo episodio verificatosi venerdì 30 ottobre 2015, quando un convoglio bloccato a pochi metri dalla Stazione di Crema ha visto i passeggeri costretti ad uscire anche dai finestrini del treno, i Sindaci del territorio cremasco e di tutti i Comuni siti lungo la linea ferroviaria chiedono a RFI, Trenord e Regione Lombardia entro dicembre 2015 di visionare il Piano di manutenzione e il Piano di emergenza della linea ferroviaria; di introdurre almeno due nuovi convogli tipo “Coradia” come da ripetuti impegni dell’Assessore regionale ai trasporti Alessandro Sorte e di eliminare  i treni Diesel.

Se non ci saranno risposte e interventi adeguati, indosseranno la fascia e organizzeranno presidi alle Stazioni e presso la Regione Lombardia perchè non intendono consentire il perdurare dello stato di abbandono in cui oggi versa la linea ferroviaria Treviglio-Crema-Cremona.

Qua il documento condiviso: TAVOLO SINDACI 7 NOVEMBRE 2015

 

Annunci

Raccolta firme in piazza e altre notizie

Sabato 13 giugno ci siamo trovati in piazza Duomo, a Crema, per la nostra raccolta firme in favore della tratta Cremona-Treviglio-Milano. Con questa vogliamo portare all’attenzione della Regione Lombardia e di Trenord la nostra presenza e aprire un canale di dialogo con tutti gli schieramenti politici, con i responsabili delle società di trasporto e con i cittadini.

La sottoscrizione ha come obiettivo alcune necessità continuamente evidenziate dai pendolari, che abbiamo riassunto in:

  1. puntualità dei treni;
  2. condizioni dei treni;
  3. due treni nuovi in sostituzione dei treni diesel;
  4. migliori condizioni di tutte le stazioni presenti lungo la tratta.

Ringraziamo chi sabato l’ha sottoscritta e anche chi è venuto semplicemente a parlare con noi per confrontarsi sul tema. Siamo molto felici della riuscita di quest’iniziativa. La cittadinanza ha risposto calorosamente e con una partecipazione che è andata al di là delle aspettative, proprio perché i disagi dei pendolari sono conosciuti e condivisi da tutta la popolazione. In un paio d’ore abbiamo raccolto più di 200 firme, per noi un grandissimo traguardo.

Purtroppo i tempi di queste battaglie sono prolungati e i risultati possono essere ottenuti solo con pazienza e costanza. Ieri, a due giorni dalla raccolta firme, ci sono stati ancora molti ritardi. L’indice di puntualità è stato del 78%, il ritardo medio tra tutti i 36 treni considerati è stato 4,2 minuti mentre quello dei soli treni  in ritardo è stato di 16 minuti. C’è stato addirittura un treno serale con un ritardo di 36 minuti, che ha praticamente raddoppiato il tempo del viaggio Milano-Crema.

Anche nella giornata di oggi vediamo ulteriori disagi: moltissimi treni cancellati a causa dello sciopero indetto dai sindacati dei ferrovieri, per richiedere maggiore sicurezza dopo i tragici fatti di Villapizzone. Aderiamo alla richiesta dei sindacati, evidenziando la necessità di una maggiore sicurezza, soprattutto per i controllori troppo spesso impossibilitati a esercitare il loro ruolo. Ci domandiamo però quale sia l’utilità di questo genere di sciopero, che ancora una volta incide sui pendolari. Crediamo possa essere più utile un’altra modalità, che è stata annunciata alcuni giorni fa dai ferrovieri: uno sciopero bianco dei controllori, che, rifiutandosi di controllare i biglietti, non possono garantire l’acquisto degli stessi. Questo sarebbe uno sciopero con effetti molto più dirompenti e senza disagi per i nostri pendolari. Cogliamo l’occasione per chiedere come mai troppo spesso non passa nessuno a controllare i biglietti. Forse proprio per paura, visto che, soprattutto di sera, non ci sono condizioni di sicurezza né per i capitreno né per gli utenti del servizio.

CPC

#CPCinPiazza

Il Sindaco ci ha ricevuti e si è impegnata con noi, unitamente all’assessore Bergamaschi, nel sostenere la battaglia di dignità dei pendolari. In particolare, si impegnerà concretamente nel chiedere a RFI, Trenord e Regione Lombardia:
  • Piano dettagliato di manutenzione della linea;
  • Immissione almeno una coppia di treni nuovi;
  • Convocazione entro la fine di ottobre di una conferenza con tutti i sindaci della linea;
  • Studio iniziative per spronare al miglioramento delle condizioni di viaggio (si accettano suggerimenti);
  • Massima attenzione e impegno sul progetto di riqualificazione dell’area stazione FS e per il treno diretto.
L’impegno è anche un aggiornamento costante sulle novità che emergeranno nei prossimi mesi e che sicuramente non mancheremo di comunicarvi.
Infine, ci vediamo con il nostro primo banchetto a Crema, in Piazza Duomo, sabato 13 giugno dalle ore 15 per raccogliere firme alla nostra petizione e condividere insieme l’impegno.